Roseto Valfortore ancora senza Segretario comunale. Ennesimo appello dell’amministrazione

Continua senza sosta la ricerca di un segretario per Roseto Valfortore, ecco perchè sindaco ed amministrazione si rivolgono ancora presso le sfere alte con la speranza di essere ascoltati.
Questa la richiesta:
“Considerato ormai che:- da circa un anno al comune di Roseto Valfortore la sede della segreteria risulta vacante, con una brevissima parentesi di un mese da giugno a luglio;- Roseto è un piccolo borgo di circa 1000 abitanti in provincia di Foggia sui Monti Dauni già penalizzato enormemente da una serie di disservizi causati da una rete infrastrutturale provinciale carente sotto l’aspetto della pubblica e privata incolumità;- la figura del segretario garantisce la ed è l’interfaccia diretta del sindaco per la risoluzione di problematiche piccole e grandi che nascono quotidianamente;- la comunità tutta è penalizzata a causa della lentezza e/o stasi totale di disbrigo di atti amministrativi non potendo l’amministrazione  e/o la giunta portare avanti con celerità il proprio programma avendo saltuariamente segretari a scavalco che si alternano per poche ore, quando possono;- la sottoscritta ha ripetutamente sollecitato, anche attraverso i mass-media, la grave situazione che l’amministrazione e di conseguenza la comunità tutta sta subendo non sicuramente per responsabilità degli amministratori locali;- uno stato democratico, attraverso i propri organi di governo, dovrebbe garantire l’efficienza negli enti pubblicicreando i presupposti perchè ciò avvenga;- ad oggi Roseto Valfortore, e sicuramente altri comuni, sta subendo una discriminazionenon essendo in condizioni di amministrare in sicurezza ed efficienza per responsabilità del governo e degli organismi competenti in materia.
Tutto ciò considerato, il sindaco, Lucilla Parisi del comune di Roseto Valfortore sollecita Ministero dell’interno, l’ANCI Nazionale, la Consulta Nazionale Piccoli Comuni, la Agenzia Segretari Bari e la Prefettura di Foggia di attivarsi urgentemente presso le sedi opportune affinchè questa grave lacuna, che interessa migliaia di comuni, si possa risolvere nel giro di pochissimi giorni.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *