SAN SEVERO/ La caccia alla pantera diventa cronaca nazionale e finisce a Pomeriggio Cinque

Continua senza sosta a San Severo la caccia alla pantera, il pericoloso felino che da una settimana sta mettendo in allerta l’intera comunità della cittadina in provincia di Foggia. Nei giorni scorsi l’animale è stato avvistato nelle campagne, dove sono state ritrovate anche alcune tracce. L’attenzione resta alta, e il sindaco Francesco Miglio ha invitato tutti i cittadini, soprattutto quelli che vivono in periferia, a fare molta attenzione, considerata la singolarità del caso. La vicenda sta finendo su tutte le testate giornalistiche e tv nazionali. Nel corso del pomeriggio di ieri, gli investigatori di San Severo hanno tenuto un collegamento in diretta nella nota trasmissione di canale 5 “Pomeriggio cinque”, condotta da Barbara D’Urso.

Come detto, nei giorni scorsi alcuni cittadini hanno segnalato alle forze dell’ordine alcuni avvistamenti del felino, come quello del proprietario di un’azienda del posto, ascoltato anche ai microfoni delle tante testate locali che in queste ore si stanno occupando alla vicenda. Alcuni video registrati con cellulari dai cittadini stanno aiutando le forze dell’ordine nella caccia al felino che dura ormai da giorni.

Sulle tracce dell’animale, una vera e propria task force di carabinieri e polizia oltre al servizio veterinario dell’Asl ‘armato’ di dardi anestetici. Nell’azione di pattugliamento, si stanno utilizzando anche droni per ricognizioni aeree e trappole ‘farcite’ di carne sparse sul territorio. Non si esclude, a  breve, anche l’impiego di un ‘Predator’ dalla base di Amendola.

Nella serata di ieri è stata recuperata una capra sgozzata, la cui carcassa sarà inviata all’Istituto Zooprofilattico di Foggia e successivamente analizzata. Si tratterebbe, in caso di responso positivo, del primo caso di ‘predazione’ attribuibile al grosso felino, che si starebbe muovendo nelle campagne sanseveresi. Caso unico nel suo genere, soprattutto se si considera la pericolosità dell’animale. (redazione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *