Sui Monti Dauni nord 2 riconferme e 3 nuovi sindaci

Come previsto, nei cinque comuni dei Monti Dauni Settentrionali interessati alle elezioni comunali, quelle appena trascorse sono state campagne elettorali affascinanti, con sfide accesissime e, in alcuni casi, duelli all’ultimo voto.
Tracciando un quadro generale sugli esiti delle amministrative di Domenica scorsa, spiccano in maniera avidente le riconferme dei sindaci di Castelnuovo della Daunia Guerino de Luca, e di Biccari, Gianfilippo Mignogna. Quest’ultimo, infatti, è stato eletto per la terza volta consecutiva nel centro più popolato dell’area nord dei Monti Dauni, con ben 984 voti e una percentuale pari al 53,92%. Non ce l’ha fatta la sua avversaria Giusy Ciampi, che, considerata la forza del suo avversario, può vantare comunque un risultato più che buono, ovvero 841 preferenze e una percentuale del 46,08%.

Situazione decisamente diversa a Castelnuovo, dove il distacco tra i due pretendenti alla poltrona da sindaco è stato di appena 2 voti. Guerino De Luca, eletto per la seconda volta dopo la vittoria del 2014, ha dovuto sudare, e non poco, per riprendere la guida di Palazzo di città. I dati esatti parlano infatti di 476 voti contro i 474 di Sebastiano Di Tella, ad un passo dal diventare primo amministratore, ed evidenziano in maniera chiaramente evidente quanto il paese sia scisso dal punto di vista politico. In ogni caso De Luca, da qui a cinque anni, potrà concentrarsi sui progetti avviati e impegnarsi nella ricerca di maggiori consensi.


Novità invece a Carlantino, dove, dopo oltre un anno di commissariamento, si ricomincia da Graziano Coscia, alla guida della lista civica “CambiAmo Carlantino”, che stacca di ben 123 voti l’ormai ex sindaco Vito Guerrera, registrando una vittoria di 367 a 244, oltre che una percentuale di più del 60%.


Nuova fascia tricolore anche a Volturara Appula. Nel paese del Premier Giuseppe Conte il nuovo primo cittadino si chiama Vincenzo Zibisco, che vince con soli 5 voti di scarto rispetto all’uscente Leonardo Russo. Quest’ultimo cede la fascia tricolore accomodandosi in minoranza dopo una sfida accesa fino alla fine. Risultato: 164 a 159.

Insieme a Carlantino e Volturara, il terzo nome del nuovo sindaco si registra a Volturino. Dalla sfida a tre, ne esce vincitore Francesco Di Pasqua, a capo della lista civica “Vultur”, con il 43,46%, grazie ad una differenza di 39 voti rispetto all’ex primo cittadino Antonio Santacroce (PD), che ha comunque dimostrato di mantenere buona parte dei larghi consensi ottenuti cinque anni fa. Risultato finale: 492 a 453. Santacroce entra dunque in minoranza insieme a Maria Velardi e a Emanuela Patricelli, rappresentante del gruppo “Per Volturino scegli col cuore”, che guadagna un seggio grazie alle 187 preferenze accordate. Che si tratti di riconferme o di nuovi sindaci, a valutare l’operato amministrativo sarà come sempre il popolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *